Educazione allo sviluppo (progetto attivo)

La necessità di sensibilizzare, educare e informare i cittadini dei paesi ricchi sulle tematiche legate allo sviluppo della cooperazione e della solidarietà internazionale, nasce dalla consapevolezza che una più diffusa conoscenza delle dinamiche politiche, economiche e sociali che determinano gli squilibri mondiali, siano elementi indispensabili, insieme ad un maggiore partecipazione della cittadinanza, per la lotta contro la povertà. Educare allo sviluppo significa diffondere la consapevolezza sui diritti dell'uomo e dell'infanzia, sulla valorizzazione delle differenze e sul tema della cittadinanza globale.    

SAMARI ha da sempre attribuito un’importanza fondamentale all’Educazione allo sviluppo (EAS) come  strumento per promuovere i Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Dalla sua nascita l’associazione SAMARI, già denominata Buon Samaritano, si è impegnata, attraverso progetti di educazione allo sviluppo rivolti alla sensibilizzazione dei bambini, con interventi mirati nelle scuole e, degli adulti attraverso convegni, eventi di sensibilizzazione pubblica e momenti di confronto, proiezioni video girati in Congo che raccontano le condizioni dei bambini, seminari e mostre fotografiche sull’importanza dei Diritti dei più piccoli, sulla loro negazione e sul divario tra Nord e Sud del Mondo.

In particolare, l’associazione si è impegnata a portare a conoscenza il fenomeno degli “ENFANTS SORCIERS” nella Repubblica Democratica del Congo, una vera piaga che vede negati i diritti di tanti bambini con il rischio di fare scomparire tutta una generazione.  Gli interventi nelle scuole sono focalizzati alla conoscenza dei diritti dei bambini previsti dalla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia promulgata nel 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991. Per questo, oltre a promuovere iniziative di sensibilizzazione sul territorio, SAMARI Onlus presta particolare attenzione alla scuola, luogo privilegiato per valorizzare le differenze culturali e per attivare solidarietà. 

enfants sorciers

Dalla nascita di queste iniziative, si è sviluppata una richiesta maggiore da parte di scuole, associazioni dei giovani, gruppi culturali. SAMARI si è fatto promotore di ciò in varie scuole della Lombardia (Istituto Bottoni Milano, Istituto Buonarroti di Corsico), Piemonte, Veneto e Lazio (Liceo Virgilio di Roma), presso alcuni gruppi parrocchiali (parrocchia di Morozzo nella provincia di Cuneo, Parrocchia di Rovolon nella provincia di Padova) e culturali dei Giovani come ad esempio la Banda Limone di Magenta o Lions club di Milano

Questi percorsi progettuali mettono a disposizione di istituti scolastici, ludoteche e altri enti che ne facciano richiesta il nostro materiale audio video. Alle mostre è possibile abbinare un intervento di un operatore di SAMARI. Le attività sono realizzate dagli operatori di SAMARI all’interno delle classi, ma rimane comunque fondamentale la presenza e la partecipazione degli insegnanti nelle diverse fasi dei percorsi, in un ottica di continuità e partecipazione.

educazione allo sviluppo

Per aderire e chiedere ulteriori informazioni compila l’apposito modulo.pdf e spediscilo via e-mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  oppure chiama allo 02/39465428


PROGETTO 1: I GRANDI DIRITTI DEI PICCOLI
Un viaggio alla scoperta del mondo dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Premessa
Il 20 novembre 1989 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il primo e principale strumento in materia di tutela e promozione dei diritti dei più piccoli.
L’associazione SAMARI Onlus è impegnata in prima linea nella protezione dei diritti dell’infanzia nella Repubblica Democratica del Congo e ha attivato il sostegno a distanza, uno strumento fondamentale per garantire il diritto alla vita, alla salute e all’istruzione, per rispondere ai bisogni più urgenti di bambini e bambine e migliorare il loro futuro e quello della loro comunità.
Questo percorso formativo mira a introdurre il concetto di diritto e a sperimentarne il significato, informando ragazzi e ragazze delle scuole italiane su contesti di violazione dei diritti dell’infanzia, sul tema degli ENFANTS SORCIERS (BAMBINI STREGONI) e sugli interventi realizzati da SAMARI in questi contesti.

Destinatari
Il progetto è rivolto a studenti e studentesse delle secondo ciclo delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado.

Durata
E’ previsto un incontro  con la classe, della durata di 3 ore,  in cui si proiettano i filmati girati sulle condizioni dei bambini nella Repubblica Democratica del Congo, seguito da un dibattito aperto.

Finalità

  • Diffondere la conoscenza sul tema dei diritti dei bambini, delle bambine e degli adolescenti enunciati dalla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e sensibilizzare gli studenti sugli squilibri esistenti tra Nord e Sud del mondo;
  • Stimolare la riflessione sui temi proposti,  coinvolgendo attivamente gli studenti attraverso un dibattito partecipativo;
  • Fornire alla classe la possibilità di  impegnarsi concretamente in un’azione di solidarietà, attraverso il sostegno a distanza di un bambino del Sud del mondo.

Struttura
Un incontro preliminare, della durata di un’ora circa, tra gli operatori di SAMARI e il docente referente.

Contributo
Gli incontri nelle classi realizzati dagli operatori SAMARI sono gratuiti, la classe è tuttavia incoraggiata ad attivare il sostegno a distanza di un bambino o di una bambina del Sud del mondo, al fine di completare il ciclo di incontri con una concreta azione di solidarietà da parte della classe. Attraverso un contributo di 300 euro l’anno, infatti, SAMARI garantisce cibo, acqua, salute, istruzione e protezione ai bambini e aiuta a costruire non solo il loro futuro ma anche quello della famiglia e della comunità in cui vivono.

Attivando il sostegno a distanza, inoltre, la classe riceverà informazioni costanti sul bambino e sul progetto e l’insegnante avrà  l’opportunità di dare continuità e approfondire il percorso avviato insieme.


PROGETTO 2 :  LA VITA DEI RAGAZZI – mostra fotografica sui ragazzi di KINSHASA

La mostra
Nasce da un'idea di Francesca Ambrosini (giornalista Mediaset), Nadia Spadaro, Paolo Grassi, Leonardo Fica, volontari e collaboratori di SAMARI che hanno catturato con i loro scatti aspetti culturali e vita quotidiana di Kinshasa, durante il loro viaggio nella Repubblica Democratica del Congo. La mostra racconta le torture subite dai ragazzi considerati indemoniati, le pratiche di esorcismo, la vita dei ragazzi per le strade di Kinshasa.

Obiettivi
Obiettivo della mostra è informare sulla situazione di grave emergenza in cui versa la Repubblica Democratica del Congo, analizzando in particolare l'aspetto rivolto alle condizioni di vita dei bambini di strada e alle violenze da loro subite.

Destinatari
La mostra è rivolta a:

  • Scuole di ogni ordine e grado;
  • Assessorati competenti di comuni, province e regioni (cultura, formazione, educazione, servizi sociali, ecc.);
  • Enti e associazioni, spazi espositivi interessati.

Scheda tecnica
La mostra si compone di:

  • n° 10 stampe dimensione 70x100 cm, montate su pannelli in forex e plastificate opache;
  • n° 15 stampe dimensione 35x50 cm montate su panne lli in forex e plastificate opache;
  • 1 pannello in legno dimensione 150x200 cm circa sul quale si esporranno fotografie dimensione 20x30

Per la mostra  non è richiesto nessuno  contributo. Le spese di trasporto sono a carico dell’ associazione.  

Per aderire e chiedere ulteriori informazioni compila l’apposito modulo.pdf e spediscilo via e-mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  oppure chiama allo 02/39465428

 
Dove operiamo
Banner
Banner
Banner
Banner